Un gran bel libro del 1938 di Hoyningen Huene (non saprei dire se uomo o donna, e di quale nazione), pubblicato a Londra da B.T.Bradsfort.

Si tratta di un lungo viaggio Cairo Nilo Halfa, Abou Hamed, Khartoum, Fashoda, Lago Vittoria, epoi sul fiume Congo, Stanleyville, Bangassuo, Fort Lamy, Lago Chad, Kano, Zinder, Agadez, In Guezzam, Tamanrasset e Algeri.

Un viaggio non particolare, ripetuto e preceduto da analoghi o identici itinerari. Ma un codice linguistico di tutto rispetto: frasi e parole misurate, verbi dosati, attenzione ai silenzi, alle pause, addirittura ai...profumi.

Un libro con bellissime fotografie dell'autore (con una Rolleiflex con obbiettivi Tessar e pellicole Agfa Isochrome).

Siamo nella regione in cui il Nilo Bianco si getta nel Bahr el Gebel (non lontani da Fashoda), nella terra dei Dinka e degli Zande. E l'autore vede, poi vuole incontrare Yom, la bellezza in persona.

yom

"Is here that I meet Yom: She is naked but for a low belt of electric blue beads of glass and a short black loin/cloth. In one hand, which is painted white to the wrist, like a glove, she holds an ebony and brass pipe, which she smokes languorously. Every moment of her is pure harmony and elegance in all its femine refinement, each attitude exquisite, slow sensuality; every bit of her fabulously plastic body cast iron in motion. Finishing her pipe she slowly draws herself up from the warm ground and, lifting her arms with fingers bent back, sways gently, then starts stamping and leaping with jiggles of delight, raising her tiny, grining head."

Lorenzo De Cola