LE CAPACITA’ COGNITIVE DEI NEANDERTHAL: UN’INTERVISTA ESEMPLARE


Una delle “perle” di qualche tempo fa prese in esame l’ipotesi (avanzata dal Prof Joào Zilhào dell’Università di Bristol) che i Neanderthal potessero avere capacità cognitive simili alle nostre.
Zilhào e il suo team hanno scoperto che i Neanderthal facevano uso di conchiglie decorate = gioielli = uso simboli = elemento cardine di un essere umano moderno.
(per la precisione gli indicatori di concezione simbolica sono stati datati a circa 50 000 anni BP, e cioè circa 10 000 anni PRIMA che H.Sapiens giungesse in Europa). La scoperta per ora NON è messa in discussione.
Ricordiamo che le discussioni degli ultimi 25 anni sono legate alla teoria che gli umani moderni (anatomicamente moderni) siano originari dell’Africa e siano arrivati in Europa soppiantando esseri umani arcaici come i Neanderthal, presenti nel veccio continente circa dal 230 000 al 28 000 BP.
In una bella intervista apparsa su Le Scienze di Agosto 2010 Il Prof Zilhào riafferma quanto già esposto con i suoi ritrovamenti, e fornisce tre precisazioni esemplari per rapidità, concisione, immediatezza e conseguenze.
A)        E’ vero che le perforazioni delle conchiglie (colorate intenzionalmente con pigmenti) sono naturali, ma le conchiglie stesse si trovano esclusivamente in acque profonde e quando giungono a riva sono prive di parti commestibili, quindi non commestibili. Non commestibili e associate a particolari pigmenti. “Basta aprire un libro sugli ornamenti fatti di conchiglie in Africa o in Oceania per vedere esempi di conchiglie di queste specie o di specie correlate che presentano perforazioni di origine naturale e sono usate come ornamenti”.  …”dal punto di vista comportamentale i Neanderthal erano moderni: Non erano uguali agli esseri umani moderni da un punto di vista anatomico, ma in termini cognitivi erano altrettanto avanzati o persino di più.” (grassetto mio)
B)        (A proposito del cambiamento nel meccanismo del comportamento verso quello “moderno”, legato all’aumento delle dimensioni medie del cervello, e all’epoca in cui giunse ad avere dimensioni simili a quelle attuali) Il Prof Zilhao ritiene necessario che sia avvenuto questo cambiamento, fra 1,5 e 2 milioni di anni fa, o al più tardi tra 500 000 e 1 milione di anni fa.
Ma una volta avvenuto….“Se potessimo clonare un essere umano vissuto 500 000 anni fa, inserirlo in un utero surrogato e dopo la nascita allevarlo come facciamo con gli esseri umani attuali, sarebbe capace di far volare un aeroplano? Forse alcuni dei miei colleghi risponderebbero di no. A mio parere, invece, ci riuscirebbe”.
C)        A proposito del fatto che se i Neanderthal della Spagna realizzavano ornamenti 10 000 anni
prima dell’arrivo di esseri umani moderni in Europa (grassetto mio) è possibile che i
“moderni” abbiano copiato dai Neanderthal?  “Prima di arrivare in Europa , gli umani
moderni non avevano denti di mamifero perforati o incisi come quelli rinvenuti nella cultura
Castelperroniana, e neppure conchiglie di bivalvi come quelle che abbiamo trovato in
Spagna. Ma una volta che sono entrati in Europa hanno tutte queste cose. Dove hanno preso
questi ornamenti moderni? Se stessimo parlando di popoli dell’Età del rame, ne
concluderemmo che i nuovi venuti li hanno ottenuti dai locali. Perché mai dovremmo
applicare un’altra logica agli oggetti dei Neanderthal?”
Lorenzo De Cola